Silvana Kühtz

Barese, dalla formazione scientifica e umanistica, laureata al Politecnico di Bari, con un dottorato britannico all’Imperial college of science, formatasi in UK, Usa e Italia sui temi della comunicazione e della performance attoriale, ha un Master di Comunicazione integrata, è ricercatrice confermata e docente di Estetica e di Ascolto Comunicazione Creatività all’Università della Basilicata, dipartimento delle Culture Europee e del Mediterraneo (Matera), corso di laurea di Architettura; conduce seminari di creatività e sensorialità e laboratori di lettura espressiva. È la responsabile creatività e cultura del Digilab, incubatore di idee imprenditoriali del Politecnico di Bari. È parte del team di organizzatori della Biennale dei racconti di impresa del club cultura della Confindustria Bari-Bat. Ha vinto nel 2014 il premio salernitano Alfonso Gatto per la poesia, alla sua trentesima edizione, con una silloge inedita 30 giorni una Terra e una Casa, pubblicata dall’editore Campanotto di Udine. Anche sulla base di questi testi e dei recenti Collezione di piccole felicità (2021 Casalta FI) e Manuale di Fisica Ostica (2018 Musicaos LE) si compone il percorso dei concerti sensoriali, un viaggio che ha la leggerezza dell’esperienza sensoriale e il peso che ciascuno vorrà dare alla propria sperimentazione. Ha creato il progetto Poesia in azione nel 2005 e l’associazione LEGGO QUANDO VOGLIO nel 2015, il progetto labellezzadellacura.it dal 2014 e dal 2020 come archivio online e sperimentazione attiva di musica e parola nei luoghi di cura. Dal 2020 conduce i laboratori di partecipazione Abitare poeticamente la città e un festival della parola con lo stesso nome.  Dal 2017 conduce lezioni di poesia e sensorialità per Harvard Summer School.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.