vol. 6 – Lavoro

I Semi - Lavoro

Il sesto volume della Collana di poesie “I Semi” è Lavoro.
Il lavoro nobilita l’uomo, ci restituisce dignità, ci educa all’ordine.

Lavoro è realizzato in carta uso mano 100 gr. / rilegatura a punto metallico / formato 10,5 x 17 cm / pag.16

I poeti che hanno scritto per Lavoro

Azzurra D’Agostino
Nata a Porretta Terme (Bo) vivo sull’Appennino Tosco-Emiliano, amo passeggiare, leggere, scrivere, ho studiato filosofia e pubblicato vari libri. Sono antifascista.

(…) In un periodo nero, proprio di grande scuro
non ingannano ma brillano di più le piccole stelle
e anche se del mondo non sei più sicuro
ricorda di guardarle che sono libere, almeno quelle. (…)

Mauro Marino
Nato a Lecce nel 1956. Operatore culturale, allievo del poeta Danilo Dolci, dal 1999 dirigo a Lecce il Fondo Verri dedicato allo scrittore Antonio L. Verri. Ho dato vita a numerose esperienze editoriali, tra cui Poet bar (Besa ed.), I libri di Icaro (Spagine) e il Magazzino di Poesia.

(…) La poesia nasce
mormorando passioni
all’incanto degli occhi. (…)

Bruno Rullo
Vivo in Val Susa (To). Grafico, poeta, artista fotografo, sono autore di poesia lineare, visiva, sonora. Ho pubblicato la mia prima silloge Granelli di rabbia nel 1980. Sono stato organizzatore di festival, poetry slam ed eventi poetici internazionali. Sono coordinatore di Slam Italia, Rete Italiana di Poetry Slam.

(…) Egli era in cerca di finestre
ha trovato solo muri (…)

Marco Inguscio
Nato a Galatina (Le), attualmente vivo tra Canada e Spagna per un progetto di ricerca che mi fa perdere il sonno. Scrivo in prosa per tornare al verso, per trovare una lingua aliena. Vorrei scrivere con una semiotica del corpo, sensibile, erotica, che spieghi la bellezza di stare in ginocchio.

Nel suo negozio si vede l’uomo in vetrina davanti al televisore appena riparato vibrare coi flash intermittenti della Polinesia. Non siate troppo severi con voi stessi, riordinate i mobili in stanza, mangiate pure tutto ciò che volete. Mi rendo conto solo ora, non so da quando, che come mio padre iniziano a piacermi queste cose, parlare dell’andatura delle macchine, dei figli che invitano le madri a ballare.

Stefano Modeo
Tarantino, classe 1990, sono un attivista e studente di Filologia. La mia poesia vuole essere espressione collettiva, desiderosa di risaldare la frammentazione degli individui sociali, in un unico canto capace di tracciare un comune denominatore politico e culturale.

(…) Il rumore del mare ci dice
fare e non disfare
fare e non disfare (…)

Biagio Lieti
Nato nel 1978 a Carosino (Taranto). Vivo a Bari. Sono autore di molteplici pubblicazioni e dal 2012 è ideatore e curatore di Parlate di luce. Rassegna di Poesia Abitata.

(…) Invece – per la prima volta –  ci è mancata la forza per riordinare
gli attrezzi pronti sul banco, allineare verso fuori
le caldarelle ripiene di alabastrino, percepire in quell’aria
l’odore del gelo delle ringhiere. (…)

Paolo Potì
Nato a Squinzano (Le), laureato in filosofia, sono ingaggiato con rigorosa incostanza dall’ossessione di scrittura e pittura. Vorrei scrivere essenzialmente del poco e del meno, del negato e del resto. Azzardo il passaggio del punto in cui il linguaggio esercitato sulle cose e sulla carne, affretto il degrado che le seguirà.

(…) Eppure
primariamente nel rimosso riposa la testimonianza più profonda
della fatica del processo produttivo e dell’invadenza
dell’imperfetto. (…)

Vuoi Lavoro? Possiamo realizzarlo per te! Contattaci per sapere come!

Contattaci