Pierino in jazz

Pierino e il lupo fu scritta dal grande
compositore russo Sergej Prokofiev nel 1936

L’idea

L’idea di questo spettacolo è di proporre una versione jazzistica per piccolo gruppo (un quintetto con sax, piano, contrabbasso e batteria) e voce recitante, con la storia cui segue uno spazio gioioso di improvvisazione, con testi poetici scritti per l’occasione e
commentati al momento dai musicisti.

Chiude lo spettacolo un multi-finale scritto dai bambini (durante un laboratorio) anch’esso arricchito da improvvisazioni e alcune musiche composte appositamente dallo stesso Fioravanti.

Pierino in jazz gode del patrocinio UNICEF per il progetto Soundz for children.

I musicisti coinvolti:
Ettore Fioravanti = batteria, arrangiamenti
Nicola Pisani = saxofoni
Francesco Schepisi = piano
Giorgio Vendola = contrabbasso
Gaetano Partipilo = sassofono alto
Silvana Kühtz = voce in parola e testi

L’immagine di copertina è di Valentina D’andrea

La sfida

La sfida è stata tanto per la musica che per il testo quella di mantenere inizialmente l’architettura di partenza, col testo della favola praticamente intatto e le melodie originali rispettate anche se assegnate a strumenti diversi e soprattutto sapientemente manipolate da musicisti abituati a usare materiale delle più svariate provenienze miscelandolo fino ad
ottenere nuovi suoni, nuove strutture, nuove fragranze musicali. Ci sono poi le variazioni sul tema, intrecci nuovi, parole che emozionano e improvvisazioni. Il risultato è un mix di leggerezza, allegria e intensità, nel connubio tra la storia fanciullesca di un bambino che non ha paura e l’intreccio tra melodie epocali, testi lirici scritti da Silvana Kühtz e il loro incontro in tempo reale con l’improvvisazione.

SCHEDA TECNICA

Pierino e il lupo

Dicono di noi…