uno zoo di carne - silvana kuhtz - Poesia in Azione
7731
post-template-default,single,single-post,postid-7731,single-format-standard,edgt-cpt-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,homa-ver-1.7, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

uno zoo di carne – silvana kuhtz

mammolina, pupetta sei tu,
mammolina, Francesca, Franca,
così ti chiamiamo da vicino
e fuori piove mentre guardi
senza vedere, forse, ascolti
senza sentire, forse, t’affacci
in questo mondo nostro come
un’aliena, un gatto, un albero.
Tu sei un essere vivente,
sei la mia mamma Franca
ma non so indovinare cosa senti:
quella cosa tutta umana, l’empatia,
a nulla serve, le tue reazioni lente
ti fanno tartaruga, bradipo, conchiglia.
Posso sentire il mare nei tuoi occhi blu
quando mi guardi stupita come una
bambola di porcellana si sente
come una marea che s’ingrossa
se poi al culmine del tuo silenzio
sorridi di un sorriso che è
lampo e gazzella sulle tue rughe
di vecchia senza voce e senza lingua.
Come questa coccinella tu taci
non hai più le parole del mondo
per chiamare le cose e farle tue e
il mondo intorno all’incomprensibile
si ritira scappa sterza
vorrebbe la soluzione finale
o la guarigione miracolosa.

Non riesce a stare,
il mondo, con la storta
insensata stralunata faccia tua
con la carne appoggiata a un letto,
sempre la stessa aria intorno a te
che non puoi dire, che hai le mani
intrecciate e le gambe dure di tronco.

Tu non sai più chi sono?
e tu chi sei? Non lo so dire,
non lo so cosa passa nella tua linfa
che elettricità connette le tue cellule.
Ti guardo, immobile essere che nulla
fa, cui le ore passano lente?
veloci? Non lo so dire.
Eppure respiri e, forse, ci sei.
silvanakuhtz

condividiShare on Facebook
Facebook
0
2 Comments
  • Simonetta Felli

    stasera mi hai regalato questa meraviglia..che fa venire i brividi..
    oggi la prima giornata fredda a roma.
    ma questa poesia è come il fuoco
    fa divampare dentro emozioni
    anche quando tutto sembra ormai cenere
    perchè c’è sempre una brace
    pronta a riaccendersi.
    grazie

    29/11/2017 at 18:25
  • Il tuo modo di esprimere la comunione con lei tocca l’animo di tutti noi, io penso che lei lo senta , anche attraverso il tatto , i tuoi sguardi, qualcosa passerà . il tuo amore. Mistero infinito quello che c’è dentro ogni essere umano, al di là dell’aspetto puramente cerebrale, la tua profondità nel sentire e cercare di carpire chi è veramente accanto a te ti rende davvero speciale per come riesci a tradurla in parole.

    30/11/2017 at 16:00

Post a Comment

Avvertenza: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso, all’installazione di tutti o di alcuni cookie, si veda l’informativa sui cookie Vai alla informativa sui cookie

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi