PENSIERI IN AZIONE - Poesia in Azione
6811
page-template-default,page,page-id-6811,edgt-cpt-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,homa-ver-1.7, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
PENSIERI IN AZIONE

PENSIERI IN AZIONE È UNO SPAZIO PENSATO PER LA RIFLESSIONE.

2 LUGLIO 2016 

Del perché in molte lingue,”verso” e “senso” siano sinonimi.

C’è un modo, (uno solo? Non so), ma ce n’è uno buono, per unire la musica alla parola poetica.
L’ho visto produrre, organizzare ed esigere a Silvana Küntz il giorno che, a Cumiana io e Paolo Innarella e Susanna Crociani ci siamo agglutinati intorno ai versi suoi e di altri (ndr quel giorno quasi tutti inediti di SIlvana e una poesia di Marco).
Silvana conosce la differenza tra limite e frontiera, non sorveglia ma pretende che chi le sta intorno riconosca il limite sacro del verso e lo rispetti. Come tutte le sacerdotesse si avvale nello spazio rituale di un alter ego, una persona di cui si fida, che la protegga e guidi gli altri nel tempo giusto della libera improvvisazione: Susanna sa tutto. Conosce il segreto, sa che noi musicisti non dobbiamo suonare sottofondo al testo, ché il dire è bastante a definirne il contorno, conosce il tempo di tacere e porge spunti, liberi come lei.
Spesso si suona sotto la parola quando non ci si fida della sua forza; ma se si lascia fare alla dizione buona, una come quella di Silvana, che non suggerisce ma propone, allora non serve suonare “mentre”: quel mentre serve a darsi il tempo di essere toccati, di fare spazio, di rifornirsi di suono, di riconoscere dentro di sé la corda del pianto, quella della gioia, quella dell’orda e a darsi il “motivo” di suonarle.
Perché la poesia nega la “ragione”, che viene da “ratio” e consegna il “motivo”, che viene da “motus”, ed è solo con quest’ultimo che si può suonare in una esperienza intersoggettiva-toccante. Occorre ascoltare, è il lancinare dei versi a mettere in moto le mani e il canto ed a dargli, almeno provvisoriamente, un senso.


Massimo Carrano

Cumiana (To), Jazzit fest giugno 2016

9 GIUGNO 2016 

Tatto Pelle Emozione Corpo Poesia

Tatto, contatto, sentire, percepire, sfiorare, toccare, ha avuto tatto…a quante altre espressioni possiamo pensare se pensiamo a questo senso? Come sarebbe la nostra vita senza? Non toccare c’è scritto in molti negozi, non toccare dicono alcune mamme ai pupi in visita dalla zia. Mi hai toccato lo diciamo anche per dire che mi hai emozionato, commosso, ispirato. Sentire è un verbo amplissimo, usato tanto per il tatto, che per l’udito, e per le emozioni, gli stati d’animo. Mi sento bene, sento quanto è morbida questa lana, non ti ho sentito…

Conosciamo la materia attraverso il tatto. La seta, il cotone, il lino, la lana hanno rappresentato per secoli i materiali più ambiti anche per la gradevolezza delle sensazioni registrate dal contatto. Anche il contatto con questo foglio, mentre stai leggendo, facilita forse il rapporto fra te e noi che scriviamo. Porre attenzione, o meglio ricominciare a porre attenzione al tocco, alle sensazioni che ci regala il tatto nelle azioni di tutti i giorni, è emozionante. Provaci se ti va.

“Un oggetto chiuso nella teca di un museo deve patire l’innaturale esistenza di un animale in uno zoo”, scrive Bruce Chatwin in Utz del 1988, “In ogni museo l’oggetto muore di soffocamento (…) mentre il possesso privato conferisce al proprietario il diritto e il bisogno di toccare. (…) il collezionista appassionato restituisce all’oggetto il tocco vivificante del suo artefice. In teoria, i musei dovrebbero essere saccheggiati ogni cinquant’anni e le loro collezioni tornare in circolazione.”

Peraltro, la pelle è il primo organo che si sviluppa, il tatto il primo senso ad essere attivo negli esseri umani. Infatti già a sette settimane di gestazione, quando il feto è lungo solo due centimetri, il senso del tatto è già formato.
Le recenti scoperte della neuroscienza ci dicono che qualsiasi cosa vediamo con gli occhi viene immediatamente tradotta dal nostro cervello in qualcosa che possiamo toccare, facendo scattare automaticamente una pianificazione simulata del movimento necessario a toccarla, e sensibilità tattile e visiva si fondono.

Per quanto molti scienziati e tecnologi stiano provando a riprodurre il senso del tatto nei robot e pare che siano già in circolazione alcuni videogiochi muniti di guanti con terminazioni che ci consentono pure di toccare le immagini virtuali dandoci sensazioni tattili reali, io, pur salutando le innovazioni con entusiasmo, condivido la semplicità e se vogliamo l’ovvietà espressa dalla poetessa Patrizia Cavalli:

 

È tutto così semplice,

sì era così semplice,

è tale l’evidenza

che quasi non ci credo.

 

A questo serve il corpo:

mi tocchi o non mi tocchi,

mi abbracci o mi allontani.

Il resto è per i pazzi.

 

(da Pigre divinità e pigra sorte, Einaudi 2006)


Silvana Kuhtz

Già pubblicato nel foglio culturale FRAGILE

condividiShare on Facebook0

Avvertenza: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso, all’installazione di tutti o di alcuni cookie, si veda l’informativa sui cookie Vai alla informativa sui cookie

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi